Canzoni d’Autore dai porti d’Italia

Massimo Donno e Alessandro D’Alessandro in Concerto

Storie di mare e di terraferma

MASSIMO DONNO/ Chitarra
ALESSANDRO D’ALESSANDRO/ Organetto

Sabato 7 Dicembre 2019 ore 21.30

Il porto è un accesso, un’entrata ed un’uscita allo stesso tempo. Dal porto si danno le spalle ad un paese ed il viso ad un altro, per il tramite dell’acqua e del sale. Dal mare arriva la civiltà, la cultura, la musica, la poesia ed è il mare stesso ad incarnare la più alta delle istanze poetiche. Il mare ed il porto, tensione e libertà, tra la paura di accogliere ed il desiderio di prendere il largo.
I cantautori italiani, in particolare quelli che hanno avuto i natali in città costiere, ci hanno raccontato la loro visione del mare: Genova raccontata da Fabrizio de Andrè, Catania da Franco Battiato, Napoli da Pino Daniele e Renato Carosone, il mare di Puglia da Domenico Modugno, Livorno da Nada, Piero Ciampi, ecc.
In questo concerto si mettono insieme le storie di chi viene dal mare, di chi lo guarda o molto più semplicemente di chi vede nel mare la speranza di una strada nuova, di una nuova vita. Ai brani della scuola cantautoriale italiana verranno aggiunti anche brani tratti dai tre lavori discografici di Massimo Donno: Amore e Marchette, dalle sonorità gypsy – swing, Partenze, dai
riferimenti sonori più orientati al Mediterraneo, Viva il Re!, l’ultimo album, in cui c’è una rilettura in chiave bandistica di diversi brani dei primi due progetti discografici. Lo spettacolo, nella sua totalità, rappresenta un viaggio verso Sud, un Sud dal quale si parte e si ritorna come porto di approdo e di partenza. A trovare narrazione è il concetto stesso di viaggio. Ed è il Sud stesso a rappresentare non solo un luogo fisico/geografico ben delimitato ma una metafora di approdo e partenza, dove il Sud è anche l’Africa, l’America latina, l’Oriente. Ad accompagnare Donno ci sarà l’organettista Alessandro D’Alessandro, punta di diamante della World Music in Italia, con la recente vittoria della Targa Tenco, insieme a Canio Loguercio, per il miglior disco in dialetto del 2017.

Dicembre 7 @ 21:30
21:30 — 23:00 (1h 30′)

Teatro Regina Margherita

Condividi