Compagnia ALBERTO DE BASTIANI

Domenica 18 Novembre 2018 ore 17.00

La piccola Irene è stata costretta dalla guerra a fuggire dalla propria casa. Come lei tante altre persone hanno dovuto abbandonare i paesi nei quali sono vissute fino ad allora. Che cosa succede in quei luoghi rimasti deserti?

  • burattini-a-colle-umberto,-festival-4
  • il-ritorno-di-irene
  • MF16_Il_Ritorno_di_Irene_022_LdA
  • MF16_Il_Ritorno_di_Irene_058_LdA

“Scrivere uno spettacolo per bambini che parli della guerra in generale e della Prima Guerra è un esercizio non da poco. Dimentica le trincee, le bandiere, le ragioni degli uni e degli altri, i vincitori e i vinti, le imprese eroiche , le leggende cresciute nel tempo , l’ipocrisia scritta sui monumenti. A questo ci pensano le ricerche storiche e le celebrazioni (ufficiali) che cercano una ragione là dove ragione non c’è. La Prima Guerra fu una catastrofe sotto tutti i punti di vista. Noi abbiamo scelto di raccontarla dando voce non agli uomini ma alle case.

Protagoniste de ‘ Il ritorno di Irene’ sono le case abbandonate dagli sfollati in zone di guerra, le case rimaste vuote, come vuote sono le stalle e i nidi sugli alberi. E così stalle, case e nidi si mettono in cammino attraverso la notte per fuggire alla guerra e ritrovare i loro abitanti. La farmacia, l’osteria, la casa della piccola Irene, il cinema muto, la cuccia di Bobi, la stalla di Nerina scenderanno ai binari in attesa di un treno che riporti chi non c’è e saliranno sopra il monte a rifar paese e a raccontarsi storie nell’attesa”

Drammaturgia e allestimento: Gigio Brunello e Giulio Molnar.

 

Facebooktwitter